Aneto, dragoncello & coriandolo

Dall'aspro o leggermente pepato all'orientale: i cuochi dilettanti appassionati amano anche usare erbe speciali. Aneto, dragoncello e coriandolo sono tre di questi.
Aneto - un compagno affascinante
L'aneto ha un sapore piccante e aspro, ma allo stesso tempo fresco e piacevolmente dolce, con un leggero aroma di anice.

Si sposa bene con il pesce, ma anche con le insalate (specialmente il cetriolo), le salse, il pollame, le verdure o il quark. A seconda dell’occasione, i rametti interi possono essere cucinati con esso e rimossi prima di servire.
L'aneto è una pianta annuale che ha bisogno di una posizione soleggiata e di un terreno ricco di nutrienti. Assicuratevi di fornire all'aneto acqua a sufficienza.

Questo perché ha poca resistenza alla siccità ed è abbastanza sensibile all'irrigazione irregolare. Se l'aneto viene coltivato sul balcone, si raccomanda di aggiungere uno strato di argilla espansa al vaso.
Aneto - conosciuto anche come pianta medicinale
L'aneto è una nota pianta medicinale. Nell'antichità, i gladiatori si spalmavano l’olio di aneto perché si riteneva che l'aneto alleviasse il dolore.

In Egitto era usato contro il mal di testa. Nei libri di erbe del Medioevo, l'aneto era anche considerato avere proprietà cicatrizzanti. In più era usato per trattare i disturbi gastrointestinali.
Oggi, l'aneto non è spesso usato nella medicina naturale.

Ma perlomeno è stato provato che l'aneto stimola l'appetito, allevia i crampi e aiuta la digestione. Inoltre, si dice che l'aneto abbia un effetto stimolante e tonificante. 
Dragoncello - dal gusto rinfrescante
Il dragoncello è popolare e spesso usato. L'erba leggermente pepata con il fine aroma di agrumi non solo si sposa bene con il pesce, la carne bianca e il pollame, ma anche con zuppe, insalate, salse, uova, carciofi, asparagi e cavolfiore.

Poiché è molto saporito, usatelo con parsimonia.
Piantate il dragoncello perenne in un luogo soleggiato e riparato dal vento. Tollera anche l'ombra parziale, ma cresce più debole.

Dato che il dragoncello richiede molto spazio, è meglio piantarlo sul balcone in un grande contenitore. Mantenete il dragoncello continuamente umido, ma non innaffiate la pianta, solo il terreno.

A proposito, le varietà di dragoncello variano nell'aroma. Si dice che quello francese sia il più aromatico.
Dragoncello - olio essenziale, pianta magica e spezia
I cinesi furono probabilmente i primi a usare il dragoncello come spezia. Poi gli egiziani lo scoprirono come un olio essenziale, che bruciavano nei loro templi. Infine, il dragoncello raggiunse gli antichi greci. Loro lo chiamavano «drakos» (serpente, drago) e lo usavano per la magia. Infine, gli arabi, lo coltivarono. Lo nominarono «tarchun» e lo usavano per condire il cibo.

Il termine Estragon, come la spezia è chiamata in Francia, Germania e in Svizzera, si è formato in Francia dal 1564. Ma l'antico nome arabo «tarchun» o il nome originale greco « drakos» sono ancora oggi riconoscibili in molte lingue. In ungherese l’erbetta è chiamata «tárkony», in inglese «tarragon», in danese «dragon» e in italiano «dragoncello».
Coriandolo - il prezzemolo orientale
Non sarà per tutti i gusti, ma sta diventando sempre più comune: il coriandolo fresco. Sa di sole e di mare, di India, di Tailandia, di Sud America e di Isole Canarie. Ecco perché si sposa bene con piatti asiatici, pollame, pesce e gamberi.

L'erba di coriandolo fresco è anche l'ingrediente principale della salsa fredda Mojo verde delle Canarie e della salsa cilena alle erbe Pebre. Le foglie di coriandolo tritate nella zuppa o nell'insalata aggiungono un sapore fresco ai piatti.
Piantate il coriandolo annuale in ombra parziale. Mescolate un po' di sabbia in un terreno che sia il più ricco possibile di sostanze nutritive e fornite un buon drenaggio.

Mantenete il coriandolo piuttosto asciutto e annaffiate solo moderatamente se necessario.
Il coriandolo sa di limone o sapone?
Non a tutti piace il coriandolo fresco. Secondo uno studio, piace al 97% delle persone nel sud-est asiatico e nel Medio Oriente, mentre «solo» al'83% in Europa. Ma perché per molti sa addirittura di sapone?

Secondo i ricercatori americani è dovuto al corredo genetico. Questo determina come percepiamo i sapori e gli odori - e se quindi ci piace il coriandolo o se lo percepiamo come sapone.
I geni di alcune persone sono sensibili a sostanze come l'aldeide, che determina il sapore del coriandolo - ed è presente anche nei saponi.

C'è un'alternativa: i semi di coriandolo. Il loro aroma speziato e leggermente dolce li rende una spezia versatile. I semi dovrebbero essere usati non macinati: semplicemente tostati leggermente e poi pestati in un mortaio.

Altri argomenti interessanti sulle erbette