Orsacchiotti di peluche

Per saperne di più sulla nascita e la storia del simpatico orsacchiotto, su eventi e musei a lui dedicati e sui primati da orso, cliccate qui.
Ma che idea carina - fiori e orsacchiotti!
Non solo i bambini amano stringerli a sé e coccolarli, anche i grandi si inteneriscono al loro cospetto, riservano loro un angolino speciale e c’è perfino chi li colleziona: gli orsacchiotti di peluche.

E Fleurop li recapita già da tempo insieme ai fiori. Come simpatico gesto d’affetto, in segno di benvenuto a un neo-abitante del nostro pianeta, come piccola consolazione o augurio di pronta guarigione: i vispi orsacchiotti che ci ricordano la nostra infanzia riescono a far sorridere tutti.
Ciò vale in particolare per gli orsacchiotti seduti, grandi circa 25 cm, di Fleurop, perché hanno tanto charme e l’aria un po’ impacciata. Sono disponibili in bianco e in marrone.

Il prodotto risponde alle direttive di sicurezza EU ed è pertanto contrassegnato con la marcatura CE.
I teneri orsacchiotti, nella versione single o in coppia, possono essere abbinati a un omaggio floreale a scelta dal nostro Shop, oppure potete optare per un set regalo dove i piccoli orsacchiotti sono già inclusi nel prezzo totale.
«Teddy», il presidente americano padrino degli orsacchiotti
La figura dell’orsacchiotto fece la sua entrata in scena all’inizio del 20° secolo negli USA. Nel novembre 1902, il presidente Theodore Roosevelt era stato invitato a partecipare a una battuta di caccia agli orsi dal governatore dello stato federato del Mississippi. Nella giornata prevista, però, gli orsi selvatici non si fecero praticamente vivi.

Così, per non deludere l’ospite, i cacciatori braccarono e catturarono un orso nero, lo legarono a un salice e invitarono il presidente a ucciderlo.
Roosevelt s’indignò per la proposta tutt’altro che sportiva e si rifiutò di assecondarla.
Poco dopo, il 16 novembre 1902, il Washington Post pubblicò una caricatura che aveva per soggetto Theodore Roosevelt, soprannominato Teddy dagli amici, con un piccolo, tenero orsetto.
Ispirato dalla vignetta, Morris Michtom, un commerciante di dolci di New York, creò un piccolo orsetto di pezza che espose nella vetrina del suo negozio a Brooklyn. Gli orsi erano considerati anche allora pericolosi predatori. Ma il piccolo orsacchiotto seppe conquistare i cuori.

Sembra che Roosevelt abbia dato per iscritto alla famiglia Michtom il permesso di chiamare l’orsetto «Teddy’s bear». Nel 1903 la famiglia fondò una fabbrica di giocattoli nella quale si producevano anche i «Teddy», come vengono chiamati ancora oggi, non solo nei paesi di lingua inglese.
Un’azienda tedesca rende famoso l‘orsacchiotto
Il caso volle che nello stesso periodo il fabbricante tedesco di giocattoli Steiff di Giengen covasse l’idea di commercializzare orsacchiotti, nonostante l’andamento nettamente negativo dell’azienda di Margarete Steiff.

Ma nel 1902 suo nipote Richard aveva progettato un orsetto con braccia e gambe snodati. E il giocattolo portò fortuna all’azienda, anche se non immediatamente.
Nel 1903 fu spedito negli Stati Uniti, ma ritornò indietro perché non era riuscito ad affermarsi sul mercato. Allora Steiff lo presentò alla Fiera del giocattolo di Lipsia, dove ne vendette 3000 esemplari a un importatore americano.

Un anno più tardi, all’Esposizione internazionale di St. Louis, gli orsacchiotti erano già 12’000, commercializzati allora come oggi in quasi in tutti i Paesi con il nome «Teddy».
Più tardi Roosevelt adottò il «Teddy Baer» come mascotte per una delle sue più fortunate campagne presidenziali.

Col passar del tempo il muso inizialmente appuntito degli orsacchiotti è diventato sempre più rotondo e carino, contribuendo a dar vita al simpatico «orsacchiotto coccolone» che tutti conosciamo.
Bizzarre - le giornate dell’orsacchiotto
La cosa può sembrare bislacca, ma è senz’altro divertente: agli amatissimi orsacchiotti sono dedicati ben cinque eventi annuali.

Li riassumiamo qui di seguito.

  • Il 18 gennaio si festeggia la Giornata mondiale di Winnie Puh, perché è la data di nascita dell’autore di libri per bambini Alan Alexander Milne, che ha creato questo personaggio.
  • Il 10 luglio ha luogo la Giornata internazionale del picnic degli orsacchiotti.
  • Il 9 settembre è la Giornata internazionale dell’orsacchiotto.
  • Il 7 novembre si celebra la Giornata internazionale dell’abbraccio di un orsacchiotto.
  • E infine il 16 novembre si svolge l’evento «Fai un party con il tuo orsacchiotto».
Se siete quindi alla ricerca di un pretesto per fare un pic-nic, per coccolare e farvi coccolare o per organizzare un party:

l’idea non piacerà soltanto agli orsacchiotti, bensì anche ai bambini, ai nipotini e perfino al vostro tesoro (smile).

Inoltre noi adulti possiamo cogliere l’occasione per rivivere le emozioni dell’infanzia legate al nostro orsacchiotto preferito di allora.
Primati da orso
Gli orsacchiotti sono ben più di semplici giocattoli. Ne sono una valida testimonianza i numerosi collezionisti e cultori di questi adorabili pupazzi. Non possono quindi mancare anche i relativi record:

  • L’orsacchiotto antico più caro è stato prodotto nel 1926 dalla ditta Steiff e venduto all’asta dalla Christie’s di Londra nel 2002 per 156‘240 Euro.
  • Il più grande orsacchiotto del mondo proviene dall’azienda «Martin Bären». È alto 5.40 metri, pesa ben 500 chili ed è di casa nel Museo dei giocattoli di Sonneberg in Germania.
  • Anche il più minuscolo orsacchiotto del mondo è di origine tedesca. Misura soltanto 5 mm e ciononostante è completamente flessibile. Il suo nome è «Mini the Pooh» ed è ospitato dal museo «A World in Miniature» di Carlisle (Inghilterra).
  • E poi c’è ancora l’imperterrito «Babbage», l’orsacchiotto di peluche che nel 2014 si è paracadutato da 39’000 metri di altezza, battendo il lancio record dello sportivo estremo austriaco Felix Baumgartner. Babbage aveva raggiunto la vertiginosa quota a bordo di un aerostato a idrogeno dal quale è stato catapultato nel cielo mediante un apposito meccanismo di sgancio. Per la cronaca: Babbage ha fatto un felice atterraggio, uscendo indenne dalla sua spettacolare avventura.
Musei svizzeri degli orsacchiotti
E non per ultimo, in tutto il mondo esistono innumerevoli musei degli orsacchiotti, di cui tre in Svizzera:

  • Lo «Spielzeug Welten Museum Basel» (Museo mondi del giocattolo di Basilea), che afferma di possedere, con 2500 esemplari, la più vasta esposizione di orsacchiotti d’epoca del mondo. Una gran parte degli orsacchiotti proviene dalla fabbrica di Margarete Steiff.
  • Il «Teddybär-Museum» di Baden, che fa scalpitare il cuore dei collezionisti. La trasognata casa nel centro storico ospita su tre piani centinaia di orsacchiotti antichi, accuratamente integrati in piccoli, vivaci scenari che variano a seconda delle stagioni. Si possono ammirare orsacchiotti mentre fanno i dolci, seduti ai bachi della vecchia scuola del paese, dal medico, in cammino per un lungo viaggio e così via.
  • E anche Sempach ha il suo museo degli orsacchiotti. Qui il tutto ha avuto inizio con l’appassionata collezionista privata e oggi titolare del museo che a un certo punto non sapeva più dove sistemare tutti i suoi orsacchiotti. Il primo le era stato regalato, su suo espresso desiderio, dal marito ed aveva segnato l’esordio di una meravigliosa amicizia.

Weitere liebevolle & hochwertige Zusatzgeschenke

Specialità Gottlieber Qui troverete la storia di una donna che ha trasformato i wafer arrotolati in una specialità e scoprirete cosa rende così deliziose le nostre mandorle al cacao. Cioccolato di Maestrani Perché il cioccolato fa bene ai musoni? Chi ha pagato con i semi di cacao? E perché le coccinelle portano fortuna? Le risposte a queste e ad altre domande si trovano qui. Miele di Bee-Family Volete saperne di più su un miele irresistibile? Immergervi nel mondo del miele, dei cacciatori di miele e dell'apicoltura nomade e saper conservare il miele? Leggete qui. Tè di Gottlieber Quale tè si chiama «polvere da sparo»? Quale tè veniva raccolto dalle scimmie? E come si prepara il tè marocchino? Le risposte a queste domande e altre ancora si trovano qui. Vini rossi Amarone e Ripasso di Albino Armani Qui di più sui nostri vini rossi: l'Azienda Albino Armani, un vino prodotto con uva passa, la «nascita casuale» dell’Amarone e un film che vi farà sognare. Prosecco Albino Armani Quando un vino può chiamarsi Prosecco? Cosa si intende per Brut o Extra Dry? Chi è Albino Armani? E che aspetto possono avere i sogni? Qui troverete le risposte. Orsacchiotti di peluche Per saperne di più sulla nascita e la storia del simpatico orsacchiotto, su eventi e musei a lui dedicati e sui primati da orso, cliccate qui. Gioielli con cristalli SWAROVSKI® Gioielli luccicanti, una storia di successo unica, un parco a tema scintillante e rapporti splendidi con star e celebrità: questo è Swarovski.

Orsacchiotti di peluche

Per saperne di più sulla nascita e la storia del simpatico orsacchiotto, su eventi e musei a lui dedicati e sui primati da orso, cliccate qui.
Ma che idea carina - fiori e orsacchiotti!
Non solo i bambini amano stringerli a sé e coccolarli, anche i grandi si inteneriscono al loro cospetto, riservano loro un angolino speciale e c’è perfino chi li colleziona: gli orsacchiotti di peluche.

E Fleurop li recapita già da tempo insieme ai fiori. Come simpatico gesto d’affetto, in segno di benvenuto a un neo-abitante del nostro pianeta, come piccola consolazione o augurio di pronta guarigione: i vispi orsacchiotti che ci ricordano la nostra infanzia riescono a far sorridere tutti.
Ciò vale in particolare per gli orsacchiotti seduti, grandi circa 25 cm, di Fleurop, perché hanno tanto charme e l’aria un po’ impacciata. Sono disponibili in bianco e in marrone.

Il prodotto risponde alle direttive di sicurezza EU ed è pertanto contrassegnato con la marcatura CE.
I teneri orsacchiotti, nella versione single o in coppia, possono essere abbinati a un omaggio floreale a scelta dal nostro Shop, oppure potete optare per un set regalo dove i piccoli orsacchiotti sono già inclusi nel prezzo totale.
«Teddy», il presidente americano padrino degli orsacchiotti
La figura dell’orsacchiotto fece la sua entrata in scena all’inizio del 20° secolo negli USA. Nel novembre 1902, il presidente Theodore Roosevelt era stato invitato a partecipare a una battuta di caccia agli orsi dal governatore dello stato federato del Mississippi. Nella giornata prevista, però, gli orsi selvatici non si fecero praticamente vivi.

Così, per non deludere l’ospite, i cacciatori braccarono e catturarono un orso nero, lo legarono a un salice e invitarono il presidente a ucciderlo.
Roosevelt s’indignò per la proposta tutt’altro che sportiva e si rifiutò di assecondarla.
Poco dopo, il 16 novembre 1902, il Washington Post pubblicò una caricatura che aveva per soggetto Theodore Roosevelt, soprannominato Teddy dagli amici, con un piccolo, tenero orsetto.
Ispirato dalla vignetta, Morris Michtom, un commerciante di dolci di New York, creò un piccolo orsetto di pezza che espose nella vetrina del suo negozio a Brooklyn. Gli orsi erano considerati anche allora pericolosi predatori. Ma il piccolo orsacchiotto seppe conquistare i cuori.

Sembra che Roosevelt abbia dato per iscritto alla famiglia Michtom il permesso di chiamare l’orsetto «Teddy’s bear». Nel 1903 la famiglia fondò una fabbrica di giocattoli nella quale si producevano anche i «Teddy», come vengono chiamati ancora oggi, non solo nei paesi di lingua inglese.
Un’azienda tedesca rende famoso l‘orsacchiotto
Il caso volle che nello stesso periodo il fabbricante tedesco di giocattoli Steiff di Giengen covasse l’idea di commercializzare orsacchiotti, nonostante l’andamento nettamente negativo dell’azienda di Margarete Steiff.

Ma nel 1902 suo nipote Richard aveva progettato un orsetto con braccia e gambe snodati. E il giocattolo portò fortuna all’azienda, anche se non immediatamente.
Nel 1903 fu spedito negli Stati Uniti, ma ritornò indietro perché non era riuscito ad affermarsi sul mercato. Allora Steiff lo presentò alla Fiera del giocattolo di Lipsia, dove ne vendette 3000 esemplari a un importatore americano.

Un anno più tardi, all’Esposizione internazionale di St. Louis, gli orsacchiotti erano già 12’000, commercializzati allora come oggi in quasi in tutti i Paesi con il nome «Teddy».
Più tardi Roosevelt adottò il «Teddy Baer» come mascotte per una delle sue più fortunate campagne presidenziali.

Col passar del tempo il muso inizialmente appuntito degli orsacchiotti è diventato sempre più rotondo e carino, contribuendo a dar vita al simpatico «orsacchiotto coccolone» che tutti conosciamo.
Bizzarre - le giornate dell’orsacchiotto
La cosa può sembrare bislacca, ma è senz’altro divertente: agli amatissimi orsacchiotti sono dedicati ben cinque eventi annuali.

Li riassumiamo qui di seguito.

  • Il 18 gennaio si festeggia la Giornata mondiale di Winnie Puh, perché è la data di nascita dell’autore di libri per bambini Alan Alexander Milne, che ha creato questo personaggio.
  • Il 10 luglio ha luogo la Giornata internazionale del picnic degli orsacchiotti.
  • Il 9 settembre è la Giornata internazionale dell’orsacchiotto.
  • Il 7 novembre si celebra la Giornata internazionale dell’abbraccio di un orsacchiotto.
  • E infine il 16 novembre si svolge l’evento «Fai un party con il tuo orsacchiotto».
Se siete quindi alla ricerca di un pretesto per fare un pic-nic, per coccolare e farvi coccolare o per organizzare un party:

l’idea non piacerà soltanto agli orsacchiotti, bensì anche ai bambini, ai nipotini e perfino al vostro tesoro (smile).

Inoltre noi adulti possiamo cogliere l’occasione per rivivere le emozioni dell’infanzia legate al nostro orsacchiotto preferito di allora.
Primati da orso
Gli orsacchiotti sono ben più di semplici giocattoli. Ne sono una valida testimonianza i numerosi collezionisti e cultori di questi adorabili pupazzi. Non possono quindi mancare anche i relativi record:

  • L’orsacchiotto antico più caro è stato prodotto nel 1926 dalla ditta Steiff e venduto all’asta dalla Christie’s di Londra nel 2002 per 156‘240 Euro.
  • Il più grande orsacchiotto del mondo proviene dall’azienda «Martin Bären». È alto 5.40 metri, pesa ben 500 chili ed è di casa nel Museo dei giocattoli di Sonneberg in Germania.
  • Anche il più minuscolo orsacchiotto del mondo è di origine tedesca. Misura soltanto 5 mm e ciononostante è completamente flessibile. Il suo nome è «Mini the Pooh» ed è ospitato dal museo «A World in Miniature» di Carlisle (Inghilterra).
  • E poi c’è ancora l’imperterrito «Babbage», l’orsacchiotto di peluche che nel 2014 si è paracadutato da 39’000 metri di altezza, battendo il lancio record dello sportivo estremo austriaco Felix Baumgartner. Babbage aveva raggiunto la vertiginosa quota a bordo di un aerostato a idrogeno dal quale è stato catapultato nel cielo mediante un apposito meccanismo di sgancio. Per la cronaca: Babbage ha fatto un felice atterraggio, uscendo indenne dalla sua spettacolare avventura.
Musei svizzeri degli orsacchiotti
E non per ultimo, in tutto il mondo esistono innumerevoli musei degli orsacchiotti, di cui tre in Svizzera:

  • Lo «Spielzeug Welten Museum Basel» (Museo mondi del giocattolo di Basilea), che afferma di possedere, con 2500 esemplari, la più vasta esposizione di orsacchiotti d’epoca del mondo. Una gran parte degli orsacchiotti proviene dalla fabbrica di Margarete Steiff.
  • Il «Teddybär-Museum» di Baden, che fa scalpitare il cuore dei collezionisti. La trasognata casa nel centro storico ospita su tre piani centinaia di orsacchiotti antichi, accuratamente integrati in piccoli, vivaci scenari che variano a seconda delle stagioni. Si possono ammirare orsacchiotti mentre fanno i dolci, seduti ai bachi della vecchia scuola del paese, dal medico, in cammino per un lungo viaggio e così via.
  • E anche Sempach ha il suo museo degli orsacchiotti. Qui il tutto ha avuto inizio con l’appassionata collezionista privata e oggi titolare del museo che a un certo punto non sapeva più dove sistemare tutti i suoi orsacchiotti. Il primo le era stato regalato, su suo espresso desiderio, dal marito ed aveva segnato l’esordio di una meravigliosa amicizia.

Ulteriori regali supplementari affettuosi e di alta qualità

Specialità Gottlieber Qui troverete la storia di una donna che ha trasformato i wafer arrotolati in una specialità e scoprirete cosa rende così deliziose le nostre mandorle al cacao. Cioccolato di Maestrani Perché il cioccolato fa bene ai musoni? Chi ha pagato con i semi di cacao? E perché le coccinelle portano fortuna? Le risposte a queste e ad altre domande si trovano qui. Miele di Bee-Family Volete saperne di più su un miele irresistibile? Immergervi nel mondo del miele, dei cacciatori di miele e dell'apicoltura nomade e saper conservare il miele? Leggete qui. Tè di Gottlieber Quale tè si chiama «polvere da sparo»? Quale tè veniva raccolto dalle scimmie? E come si prepara il tè marocchino? Le risposte a queste domande e altre ancora si trovano qui. Vini rossi Amarone e Ripasso di Albino Armani Qui di più sui nostri vini rossi: l'Azienda Albino Armani, un vino prodotto con uva passa, la «nascita casuale» dell’Amarone e un film che vi farà sognare. Prosecco Albino Armani Quando un vino può chiamarsi Prosecco? Cosa si intende per Brut o Extra Dry? Chi è Albino Armani? E che aspetto possono avere i sogni? Qui troverete le risposte. Orsacchiotti di peluche Per saperne di più sulla nascita e la storia del simpatico orsacchiotto, su eventi e musei a lui dedicati e sui primati da orso, cliccate qui. Gioielli con cristalli SWAROVSKI® Gioielli luccicanti, una storia di successo unica, un parco a tema scintillante e rapporti splendidi con star e celebrità: questo è Swarovski.