Cosa significa la parola «giglio»?

Oggi il giglio ha un nome simile in molte lingue. Ma questo nome deriva dall'antico Egitto e in origine significava qualcos'altro.
La parola «giglio» deriva dal greco «leírion» probabilmente riconducibile, in base alle fonti etimologiche, a un termine dell'antica lingua egiziana che significava «fiore». È interessante il fatto che s'incontrano termini affini per la parola fiore anche nelle lingue camitiche (ilili) e in basco (lili). Sul motivo per il quale i greci derivarono il nome del giglio dall'egiziano antico per fiore si può solo speculare.
Potrebbe darsi che nell'epoca greco-romana i greci abbiano scoperto il giglio nell'antico Egitto e lo avessero chiamato leírion in seguito a un equivoco linguistico. Certo è che oggi il giglio ha una fonologia simile in molte lingue: per esempio in inglese (lily), in catalano (lliri), in spagnolo (lirio), in francese (lis), in retoromancio (gilgia) e in tedesco (Lilie), tanto per menzionare alcuni esempi.

Per tutti i fan del giglio

Mostrare tutti

Altri argomenti interessanti sui gigli